Ciao,

Sono Alice e sono ormai giunta agli ultimi mesi della mia esperienza. Quando stai per partire non hai idea di quello che ti aspetta, prendi le tue cose e le metti dentro una valigia che è carica di sogni e fantasie, saluti i tuoi amici di sempre e prendi l’aereo per una delle avventure più belle della tua vita.

Quando ho deciso di direi ai miei amici che sarei partita per il mio anno scolastico in Norvegia ho ricevuto sguardi sbigottiti e frasi quali “in Norvegia? Lo sai che in Norvegia c’è freddo?”, “Perché proprio la Norvegia? Non c’è nulla da vedere.”, “Perché non vai in America?”, ma nessuno di loro poteva avere idea di quello che ho trovato qua. È senza dubbio una scelta anticonvenzionale, tutti vogliono andare negli USA o comunque in paesi anglofoni perché “vogliono imparare bene l’inglese”, ma non mi sono pentita della mia scelta, la verità è che si sa troppo poco sui paesi nordici e si tende a giudicare pur non sapendo.

Quando sono arrivata nella famiglia ospitante tutto era nuovo, ogni singola cosa: la casa, le persone, la lingua, le emozioni, i colori, i sapori e perfino gli odori. La verità è che in un attimo torni bambino, c’è tutto un nuovo mondo da scoprire.

I paesaggi in Norvegia sono spettacolari ed io ho avuto la fortuna di andare ad abitare su un fiordo, in Norvegia la natura viene valorizzata e non distrutta; ho visto LO spettacolo, l’aurora boreale (credetemi vale la pena uscire di casa a -12°C indossando solo una magliettina a maniche corte e i pantaloncini pur di vederla). Tuttavia quello che mi ha sorpreso di più sono state le persone. I norvegesi hanno una mentalità aperta e sono molto ospitali, sono curiosi riguardo le altre culture e sono estremamente rispettosi delle regole.

Sto vivendo un’esperienza fantastica, che mi ha fatta crescere un sacco, è proprio vero che l’exchange year è una nuova vita in 10 mesi.

Grazie per avermi dato la possibilità di fare quest’esperienza e di essere sempre disponibili per tutto!

Un grande abbraccio ♥

Next Post