La prima notte qui non è stata semplice, ho provato quella paura che ti fa stare immobile per ore a fissare un punto nel vuoto, non riesci manco a piangere, non sai perché sei li e improvvisamente tutte le ragioni che ti hanno portato a decidere di partire, scompaiono. Se prima di partire avevo pensato di essere stata cosciente, in quel momento mi stavo ricredendo, non avevo idea a cosa stessi andando incontro e pensai davvero di aver fatto un errore. Non capivo perché fossi li, non ero pronta per quell’esperienza, non sapevo come dire ai miei genitori che volevo tornare a casa.

Ma da quel momento cercai di vedere le cose da un’altra prospettiva, se ero li, un motivo c’era ed era arrivato il momento di affrontare al meglio questa esperienza. Sono maturata, ho imparato che se hai un obiettivo e ci credi davvero niente ti può fermare finché non lo realizzi. C’erano tanti problemi all inizio: la lingua diversa, la lontananza da casa, gli amici…per una delle prime volte nella mia vita, mi sono trovata in difficoltà, forse più di quanto immaginassi. Inizialmente mi sentivo i fari addosso poi tutto iniziò ad andare in discesa.

Esattamente un anno fa, una famiglia mi aveva scelto, la stessa famiglia che in poco tempo è diventata speciale e a cui voglio un bene dell’anima, che mi sostiene sempre, che riesce a capirmi e a darmi la forza di andare avanti e probabilmente se non fosse stato per loro all’inizio sarebbe stato tutto ancora più difficile essendo lontana da casa. Abbiamo instaurato un rapporto fantastico, mi fanno sentire parte della famiglia e per questo non potrò mai smettere di dirle grazie, hanno reso questa esperienza speciale e continuano a renderla tutt’ora, ci vuole coraggio nell’abbandonare tutto per un anno, ho avuto paura e alcuni momenti sono stati difficili ma n’è valsa la pena.

Ora manca poco al mio ritorno, sono felice perché tornerò a casa, rincontrerò i miei amici e la mia famiglia a cui devo tutto perché mi ha dato l’opportunità di fare questa magnifica esperienza, ma so che mi mancherà tutto di questo posto e soprattutto la mia seconda famiglia anche se so che ci sarà occasione di rivederli presto.

Next Post